Home -> diari di viaggio -> Cappadocia e Antichi Regni: alla ricerca di popoli antichi

Cappadocia e Antichi Regni: alla ricerca di popoli antichi

Giorno 8 (11 Settembre 2010)

mappa g8Da oggi inizia il tour dei vari siti archeologici. Partiamo dall’hotel dopo aver fatto colazione e ammirato nuovamente il panorama intorno alle 8,30. Il primo sito è una città (o meglio quel che ne resta…ben poco…) fondata da Mitridate, che si chiama Arsameia, situata su una collinetta dominata da una stele raffigurante il fondatore stesso. A poca distanza è situato il ponte romano sul fiume Cendere. Attraversiamo il ponte e ci avviciniamo alle rive del fiumiciattolo. Non resistiamo alla tentazione, ci togliamo le scarpe e ci bagniamo i piedi nelle fresche acque del fiume. La sosta successiva è presso i monumenti funerari di Karakus Tumulus.


L’ultimo sito, nonchè il più interessante della giornata è Harran. Ci troviamo al confine con la Siria, in un piccolo paesino, tra i più antichi insediamenti umani al mondo, dominato dal contrasto tra vita semplice (ci sono capre ed altri animali che pascolano in mezzo al villaggio) e nuova tecnologia (le capanne sono corredate da pannelli fotovoltaici). Le strutture che costituiscono il villaggio hanno una forma molto particolare, che ricorda i trulli di Alberobello in tutto meno che nel colore (sono color terra a differenza dei trulli bianchi e grigi). Alberto si sente praticamente a casa! Un ragazzo del villaggio ci fa da guida verso i resti delle mura e la fortezza in rovina.


Riprendiamo il pulmino e raggiungiamo Sanliurfa, dove alloggeremo nell’Hotel Akgol. Abbiamo qualche problema alla reception: sembra che l’hotel non abbia ricevuto il pagamento dal nostro corrispondete turco e nessuno parla inglese. Riusciamo comunque ad ottenere le stanze… e finalmente siamo in un vero hotel! Con letti comodi, bagni spaziosi ed acqua calda!


Ceniamo in una paninoteca piuttosto scadente vicino l’hotel, facciamo una breve passeggiata e torniamo in hotel. Proprio lì vicino troviamo una baklaveria (una sorta di pasticceria che serve baklavà e simili)…compriamo un bel vassoietto che consumeremo domani.

 – ritorna all’itinerario con i link alle varie tappe del viaggio –

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Cosa vedere a Vienna: i luoghi imperdibili

Vienna è una città elegante. Lo sapevo già prima di partire ed i 4 giorni trascorsi nella capitale austriaca non hanno fatto altro che confermare ...

Cosa vedere a Varsavia

Cosa vedere a Varsavia: la sua storia e la rinascita

Varsavia è una città splendida ed in continua evoluzione e rinascita. Prima di raccontarvi cosa vedere a Varsavia, devo farvi un accenno alla sua storia, ...