Home -> campania -> Ischia: Giardini la Mortella e Tour in barca intorno all’isola

Ischia: Giardini la Mortella e Tour in barca intorno all’isola

Giorno 2 (2 Maggio 2015)

Il nostro risveglio ad Ischia è un po’ più ventoso di ieri ed è piuttosto grigio. Abbiamo dormito benissimo, in un silenzio quasi irreale…si sentono solo gli uccellini che cinguettano!
Nella sala colazione non c’è nessuno, ci guardiamo un po’ intorno e decidiamo di andare verso la reception per capirne gli orari (ieri non li abbiamo chiesti). La proprietaria dell’hotel (almeno credo lo sia) è una ragazza gentilissima, anche se, come già detto, il posto potrebbe essere organizzato un po’ meglio. Ad ogni modo, viene con noi e inizia a prepararci caffè e tè, secondo le nostre richieste, mentre i cornetti caldi, i classici crema e amarena, arriveranno tra poco direttamente da un forno.

IMG_4774_602x401 IMG_4776_602x401 IMG_4777_602x401
La prima tappa di oggi sono i Giardini La Mortella. Si tratta di un complesso privato, con fiori, piante e laghetti, abbastanza ampio e molto ben curato. Unica nota negativa è la presenza di troppi turisti, essendo una delle principali attrazioni dell’isola.
Trascorriamo un paio d’ore nel saliscendi di sentieri tra piante esotiche e strutture strane (che descrivervele a parole è piuttosto complicato, lascio parlare le foto…) ed usciamo da li che è quasi l’una. Il cielo nel frattempo si è via via schiarito ed inizia a vedersi il sole e l’azzurro.

IMG_4781_602x401 IMG_4783_602x401 IMG_4784_602x401 IMG_4786_602x401 IMG_4798_602x401 IMG_4799_602x401 IMG_4801_602x401 IMG_4802_602x401 IMG_4804_602x401 IMG_4805_602x401 IMG_4807_602x401 IMG_4813_602x401 IMG_4819_602x401 IMG_4820_602x401 IMG_4821_602x401 IMG_4822_602x401 IMG_4823_602x401 IMG_4828_602x401 IMG_4829_602x401 IMG_4831_602x401 IMG_4838_602x401 IMG_4844_602x401 IMG_4845_602x401 IMG_4848_602x401 IMG_4851_602x401 IMG_4854_602x401 IMG_4855_602x401 IMG_4862_602x401 IMG_4863_602x401 IMG_4865_602x401 IMG_4867_602x401 IMG_4869_602x401 IMG_4871_602x401 IMG_4872_602x401 IMG_4875_602x401 IMG_4877_602x401 IMG_4878_602x401 IMG_4884_602x401 IMG_4888_602x401 IMG_4889_602x401 IMG_4897_602x401 IMG_4905_602x401 IMG_4908_602x401 IMG_4912_602x401 IMG_4913_602x401 IMG_4914_602x401 IMG_4915_602x401 IMG_4916_602x401 IMG_4917_602x401 IMG_4922_602x401 IMG_4926_602x401 IMG_4927_602x401 IMG_4933_602x401 IMG_4937_602x401 IMG_4940_602x401 IMG_4941_602x401 IMG_4943_602x401 IMG_4947_602x401 IMG_4949_602x401

Per il nostro pomeriggio decidiamo di separarci, in modo tale che i nostri amici possano godere delle fantastiche terme Negombo, e noi, che siamo appena riemersi da un periodo di raffreddore acuto e non vogliamo richiare gli sbalzi di temperatura, possiamo dedicarci ad una delle mie attività preferite: osservare la città dall’acqua. Torniamo quindi a Lacco Ameno, dove ieri abbiamo notato un centro turistico che vende biglietti per giri in barca intorno all’isola. Lo compriamo, con partenza alle 15, ed in attesa decidiamo di pranzare a Le Canzoni del Mare. Una buona scelta, anche se purtroppo andiamo un po’ di corsa.
Dopo pranzo ci avviciniamo all’imbarco, pensando di trovar poca gente…ed invece…la barca è piena, anche se piuttosto grande. Noi riusciamo a sederci proprio sulla prua della nave, in modo tale da poter fare comodamente foto da entrambi i lati. La vista è splendida e vengo subito ammaliata dal colore dell’acqua contro le rocce dell’isola. Io amo queste escursioni. Sono euforica e non smetto un istante di sorridere.
Il mare è un po’ mosso dal vento e la barca salta spesso e, a seconda di come ricade, produce schizzi che iniziano a bagnarci completamente e riempiono la parte della barca dove siamo noi. Molti infatti si rifugiano dentro. Noi ridiamo come matti e restiamo qui. E’ divertente ed il sole è forte quindi non fa freddo. Facciamo tantissime foto mentre la guida ci spiega ogni cosa, in un misto tra italiano, napoletano, inglese e tedesco 😀
La cosa che mi colpisce più di tutte è la varietà dei colori delle rocce: bianche, rosa, rossastre, marroncine, e a volte verdi per la folta vegetazione. Sarebbe bello immergersi in una delle calette che sfioriamo, molte delle quali irraggiungibili da terra, o in una delle tante grotte che si formano tra le rocce. Mi piacerebbe tornare in estate, ma non in alta stagione, e restare un po’ di più.

IMG_4969_602x401 IMG_4970_602x401 IMG_4971_602x401 IMG_4979_602x401 IMG_4980_602x401 IMG_4984_602x401 IMG_4990_602x401 IMG_4995_602x401 IMG_4996_602x401 IMG_4997_602x401 IMG_5005_602x401 IMG_5007_602x401 IMG_5010_602x401 IMG_5014_602x401 IMG_5019_602x401 IMG_5025_602x401 IMG_5034_602x401 IMG_5037_602x401 IMG_5044_602x401 IMG_5046_602x401 IMG_5047_602x401 IMG_5048_602x401 IMG_5050_602x401 IMG_5051_602x401 IMG_5054_602x401 IMG_5061_602x401 IMG_5065_602x401 IMG_5066_602x401 IMG_5070_602x401 IMG_5071_602x401 IMG_5073_602x401 IMG_5075_602x401 IMG_5077_602x401 IMG_5079_602x401
Ci ferimiamo a Sant’Angelo per una sosta di circa un’ora, giusto il tempo di fare una passeggiata ed ammirare il borghetto di giorno, anche se ad esser sincera, lo trovo più suggestivo la sera.
Ripartiti con la barca, terminiamo il nostro giro ad Ischia Porto, piena di imbarcazioni di un lusso da far quasi paura.
Sono oramai le 18 e vogliamo provare a visitare il Castello Aragonese che chiude ad un impreciso tramonto. Percorriamo quindi velocemente la strada che ci separa dal suo ingresso e per le 18:30 riusciamo ad arrivare. Il Castello si sviluppa su una collinetta separata dal resto dell’isola, ricollegata tramite un ponte, e domina imponente sulla città. Entriamo, anche se ci avvertono che abbiamo circa un’ora per la visita e che potrebbe non bastare. Decidiamo che poco è sempre meglio di niente. E facciamo bene. Certo, se avessimo avuto più tempo, avremmo visitato tutto con più calma, perchè ne vale davvero la pena. Ma anche così siamo più che soddisfatti e riusciamo, anche se un po’ di corsa, a vedere ogni cosa. Più di tutto, sono bellissimi i terrazzi, da cui si gode di una vista spettacolare sull’isola al tramonto e sul mare intorno (che è talmente pulito da riuscire a veder gli scogli sul fondale), e le chiesette di vari culti. Particolare, anche se un po’ macabro, il cimitero delle suore, che venivano sepolte sedute fino alla loro decomposizione. Ovviamente è tutto in salita e fatichiamo un bel po’. Il sole sta scendendo a picco sul mare.

IMG_5114_602x401 IMG_5118_602x401 IMG_5122_602x401 IMG_5123_602x401 IMG_5128_602x401 IMG_5146_602x401 IMG_5150_602x401 IMG_5151_602x401 IMG_5152_602x401 IMG_5156_602x401 IMG_5159_602x401 IMG_5160_602x401 IMG_5161_602x401 IMG_5165_602x401 IMG_5166_602x401 IMG_5167_602x401 IMG_5168_602x401 IMG_5169_602x401 IMG_5172_602x401 IMG_5173_602x401 IMG_5175_602x401 IMG_5177_602x401 IMG_5182_602x401 IMG_5183_602x401 IMG_5184_602x401 IMG_5186_602x401 IMG_5187_602x401 IMG_5188_602x401 IMG_5191_602x401 IMG_5192_602x401 IMG_5193_602x401 IMG_5194_602x401 IMG_5196_602x401 IMG_5198_602x401 IMG_5199_602x401 IMG_5202_602x401 IMG_5204_602x401 IMG_5210_602x401 IMG_5211_602x401 IMG_5212_602x401 IMG_5214_602x401 IMG_5216_602x401 IMG_5217_602x401 IMG_5219_602x401 IMG_5228_602x401 IMG_5236_602x401 IMG_5237_602x401 IMG_5244_602x401 IMG_5245_602x401 IMG_5246_602x401 IMG_5255_602x401 IMG_5256_602x401 IMG_5260_602x401 IMG_5261_602x401

Usciamo dal Castello che è quasi sera, anche se ancora non totalmente buio. Il ponte è illuminato. Lo ripercorriamo fino alla zona pedonale, dove ci ricongiungiamo coi nostri amici, rigenerati da un pomeriggio di relax, per decidere insieme dove cenare. Questa zona è piena di ristorantini e noi ne scegliamo uno che ci da l’impressione di esser davvero casereccio, Sciuè Sciuè. Ed in effetti le nostre aspettative non vengono tradite.
Per smaltire la buona ed abbondante cena, ci concediamo una passeggiatina per le vie di Ischia Porto, forse il punto più strettamente turistico dell’Isola. Infatti, sebbene sia tarda sera, i negozietti sono tutti aperti, e la zona pedonale è un susseguirsi di bar, gelateria, locali vari e negozi, e la gente non manca.

IMG_5265_602x401 IMG_5266_602x401 IMG_5269_602x401 IMG_5270_602x401
Rientrati in hotel veniamo un po’ rattristati dalla notizia della morte del piccolo cucciolo di cane dei proprietari. Ci avevamo giocato un po’ la mattina, quando già si vedeva che stava male…il suo sguardo era triste ed un po’ spento, ma non pensavamo fosse grave…
Andiamo a dormire così, ripensando ai suoi occhioni…

IMG_4780_602x401

– ritorna all’itinerario con i link alle varie tappe del viaggio-

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Cosa vedere a Benevento: tra storia e leggenda

Benevento è una città campana dalla storia lunga e complessa. Abitata fin dalla preistoria, ebbe la sua massima espansione durante il periodo Sannita, e prese il ...

casertavecchia

Casertavecchia: un gioiello medioevale

Devo dire la verità: la Campania è piena di meraviglie che il mondo intero conosce, come Napoli o la Costiera Amalfitana, di altre che il ...