Home -> diari di viaggio -> Lisbona: Le meraviglie di Belem

Lisbona: Le meraviglie di Belem

Giorno 1 (20 Febbraio 2015)

g1-1

Oggi finalmente si parte. Dopo aver letto così tanto di Lisbona non vedo l’ora di vederla. Il nostro aereo parte alle 7:30 da Ciampino, abbiamo prenotato un parcheggio lowcost lì vicino così non abbiamo nessun problema di trasporto. Arriviamo con calma in aeroporto, giusto il tempo per fare colazione con cornetto e caffè ed imbarcarci. L’aereo parte ed atterra in orario. L’aeroporto di Lisbona è davvero bello e sembra piuttosto moderno. Al punto informazioni (nella zona arrivi) compriamo la Lisboa Card che ci servirà non solo per i musei ma anche per il viaggio da/per aeroporto a/da centro città. Con la metro in circa 30 minuti siamo alla fermata più vicina al nostro hotel, Rossio, una delle piazze principali e più centrali della città. L’hotel è davvero a due passi: la posizione è ottima, speriamo solo che sia pulito e silenzioso. La nostra camera è piccolina ma gradevole. Tra l’altro stanno ristrutturando ed è stata riverniciata da poco quindi è anche pulita. Il bagno è funzionale ed anch’esso pulito. La stanza affaccia su una strada semipedonale quindi non dovrebbe esser chiassosa (in effetti scopriremo che si sta piuttosto bene).

IMG_2296_560x420 IMG_2297_560x420 IMG_2316_560x420 IMG_2319_560x420 IMG_2320_560x420 IMG_2328_560x420 IMG_2330_560x420

Dopo esserci velocemente rinfrescati, usciamo con l’intenzione di prendere la metro e poi il trenino per Belem, un quartiere leggermente decentrato che vogliamo visitare come prima meta. Arrivati in piazza vediamo però un tram che va proprio in direzione Belem. Decidiamo di prenderlo.

g1-2

Ottima scelta: rispetto alla metro riusciamo così ad osservare il paesaggio che ci circonda, vedendo per la prima (di ennemila) volta il ponte del 25 Aprile (molto simile al famoso Golden Gate di San Francisco). Il tram è un po’ lento, ma siamo in vacanza, non abbiamo fretta!

g1-3Scendiamo dal Tram proprio davanti al parco Alfonso de Albuquerque, che attraversiamo in direzione Giardini di Oltremare, la nostra prima tappa. Si tratta di un parco con alberi tropicali, laghetti, pavoni ed una zona giapponese, con ponticelli e costruzioni tipiche. Una passeggiata di una ventina di minuti piuttosto gradevole, immersi nel verde e nella pace dovuta alla totale assenza di turisti.

IMG_2222_766x511 IMG_2224_766x511 IMG_2227_766x511 IMG_2228_766x511 IMG_2229_766x511 IMG_2230_766x511 IMG_2232_766x511 IMG_2233_766x511 IMG_2242_766x511 IMG_2243_766x511 IMG_2248_766x511 IMG_2249_766x511 IMG_2250_766x511 IMG_2251_766x511 IMG_2252_766x511 IMG_2253_766x511 IMG_2254_766x511 IMG_2258_766x511 IMG_2266_766x511 IMG_2267_766x511 IMG_2268_766x511 IMG_2269_766x511 IMG_2271_766x511 IMG_2273_766x511 IMG_2275_766x511 IMG_2278_766x511

Poiché è ora di pranzo, decidiamo di provare il luogo forse più famoso di Lisbona, la pasticceria che tutti ci hanno consigliato di provare: Pasteis di Belem, dove sono stati inventati i pasticcini omonimi (chiamati anche Pasteis de Nata), uno dei piatti da non perdere a Lisbona. Eccezionali. Li consumiamo, insieme ad altri piatti salati, comodamente seduti ad un tavolinetto in una delle sale maiolicate. Una esperienza da fare.

IMG_2280_766x511 IMG_2305_766x511

Dopo pranzo, visitiamo il Monastero dos Jeronimos, una chiesa realizzata per celebrare il ritorno di Vasco de Gama dal viaggio in India, in uno stile tardo gotico molto sontuoso e ricco di particolari, che ospita le spoglie del navigatore stesso oltre che dello scrittore Fernando Pessoa. Molto belli gli interni e l’ampio chiostro.

IMG_2314-1_766x511 IMG_2316-1_766x511 IMG_2317-1_766x511 IMG_2319-1_766x511 IMG_2320-1_766x511 IMG_2325-1_766x511 IMG_2326-1_766x511 IMG_2327-1_766x511 IMG_2328-1_766x511 IMG_2329-1_766x511 IMG_2335_766x511 IMG_2336_766x511 IMG_1291_726x484 IMG_1296_726x484 IMG_1297_726x484 IMG_2340_766x511 IMG_2346_766x511 IMG_2348_766x511 IMG_2353_766x511 IMG_2354_766x511 IMG_2355_766x511 IMG_2361_766x511 IMG_2362_766x511 IMG_2365_766x511 IMG_2367_766x511 IMG_2369_766x511 IMG_2370_766x511 IMG_2374_766x511 IMG_2378_766x511 IMG_2380_766x511 IMG_2383_766x511 IMG_2389_766x511 IMG_2390_766x511 IMG_2395_766x511

Dello stesso stile, poco distante dal Monastero, visitiamo la Torre di Belem, entrambi Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Il cielo non è completamente sgombro da nuvole, e la luce che irradia il monumento è davvero particolare. Il fiume (che circonda completamente la struttura, collegata alla terraferma da un ponticello in legno) è mosso, i marciapiedi circostanti completamente bagnati e la Torre si rispecchia in queste pozzanghere d’acqua. Il sole si nasconde dietro alcune nuvole e ne fuoriescono solo piccoli ed intraprendenti raggi. Abbiamo la sensazione che già da sola questa vista merita il viaggio a Lisbona.
Certo, il fiume in piena non facilita l’ingresso alla Torre (io in pratica vengo totalmente bagnata da un’onda). Ne vale però la pena. Si sale fino alla terrazza più alta, da cui si gode di una bellissima vista sul Ponte 25 Aprile e sul Tago, complice anche l’inizio di un tramonto e i gabbiani che volano e si posano a riposare sui bastioni della torre.

IMG_2400_766x511 IMG_2402_766x511 IMG_2404_766x511 IMG_2405_766x511 IMG_2408_766x511 IMG_2409_766x511 IMG_2412_766x511 IMG_2413_766x511 IMG_2415_766x511 IMG_2416_766x511 IMG_2417_766x511 IMG_2427_766x511 IMG_2431_766x511 IMG_2432_766x511 IMG_2433_766x511 IMG_2435_766x511 IMG_2436_766x511 IMG_2437_766x511 IMG_2443_766x511 IMG_2444_766x511 IMG_2449_766x511 IMG_2453_766x511 IMG_2455_766x511 IMG_2456_766x511 IMG_2458_766x511 IMG_2461_766x511 IMG_2462_766x511 IMG_2464_766x511 IMG_2466_766x511 IMG_2472_766x511 IMG_2473_766x511 IMG_2485_766x511 IMG_2487_766x511

Dopo mille foto da altrettante angolature, panoramiche e dettagli, usciamo e continuiamo il servizio fotografico della Torre dall’esterno. Ci fermiamo, oltre che ad ammirare il panorama, anche a consumare altri due Pasteis presi a portar via dopo il pranzo.

IMG_2490_766x511 IMG_2491_766x511 IMG_2492_766x511 IMG_1331_726x484 IMG_1332_726x484 IMG_1334_726x484 IMG_2501_766x511 IMG_2506_766x511 IMG_2507_766x511 IMG_2510_766x511 IMG_2511_766x511 IMG_2519_766x511 IMG_1336_726x484

L’ultima tappa nel quartiere di Belem è il Monumento alle Scoperte, una scultura (nonché una torre su cui è possibile salire ma che noi troviamo chiusa) che rappresenta i vari esploratori rivolti simbolicamente verso il Tago. Nel centro della piazza è disegnata la cartina del mondo con evidenziate le varie colonie portoghesi, che sono davvero tante e sparse un po’ per il mondo, anche in zone davvero remote. Peccato pensare che ora il Portogallo stia risentendo oggi così tanto della crisi economica europea.

IMG_2521_766x511 IMG_2523_766x511 IMG_2526_766x511 IMG_2528_766x511 IMG_2531_766x511 IMG_2533_766x511 IMG_2542_766x511 IMG_2546_766x511 IMG_2551_766x511

Riprendiamo il tram e torniamo un po’ in hotel. Ho mal di testa e spero che riposando un po’ riesca poi a godere pienamente della serata. Unico problema è che in stanza non riusciamo a far funzionare l’aria calda e fa piuttosto freddo. Solo dopo l’intervento della ragazza della reception (non troppo gentile a dir la verità) riusciamo ad accendere il condizionatore. Ad ogni modo dopo un’oretta decidiamo di uscir nuovamente. Cerchiamo un posto dove cenare che sia in zona, dato che siamo in centro e quindi i locali non mancano e che tutto sommato è più comodo poter tornare in hotel in poco tempo, dopo cena. Con l’ausilio di tripadvisor troviamo un ristorante che si trova proprio accanto al nostro hotel: Dois Arcos. Cucina tradizionale portoghese e clima familiare. Non male come primo assaggio di piatti tipici a base di Bacalhau.

g1-4

Dopo cena, ben satolli, preferiamo passeggiare un po’ e provare a digerire qualcosa prima di tornare in hotel. Non fa molto freddo, i vicoli illuminati sono davvero piacevoli e scopriamo di li a pochi passi, alcune stradine piene di locali, negozietti di souvenir e persone che passeggiano. Unico neo: i venditori di erba e simili ad ogni passo. Per fortuna non troppo insistenti, basta rispondere con un no deciso a tutte le loro offerte e cambiano target. Beviamo una bicchiere di Ginjinha, il liquore tipico di Lisbona alle amarene, da Ginjinha Sem Rival, uno dei bar più famosi per bere un po’ di liquore, insieme al vicino A Ginjinha che purtroppo non siamo riusciti a provare (era chiuso negli orari in cui noi volevamo farci un bicchierino). Passeggiamo ancora un po’, entriamo in qualche negozietto anche se rimandiamo lo shopping ai prossimo giorni, restiamo colpiti dalla bellezza di alcuni palazzi elegantissimi e completamente illuminati. Tra questi quello dell’Hard Rock Cafè, di alcuni hotel (in uno spunta anche un fantastico giardino terrazzato) e dello Sturbucks. Sopra ogni cosa, restiamo a bocca aperta, osservando il castello che pieno di luce e dal colle su cui sorge, domina la parte bassa della città.
Con queste immagini negli occhi ed i panorami di Lisbona già dentro al cuore, ci ritiriamo nel nostro albergo e ci mettiamo a dormire.

IMG_2563_766x511 IMG_2564_766x511 IMG_2565_766x511 IMG_2566_766x511 IMG_2567_766x511 IMG_2568_766x511 IMG_2569_766x511 IMG_2571_766x511 IMG_2572_766x511 IMG_2575_766x511 IMG_2577_766x511 IMG_2578_766x511 IMG_2580_766x511 IMG_2581_766x511 IMG_2582_766x511 IMG_2583_766x511 IMG_2584_766x511 IMG_2586_766x511 IMG_2587_766x511 IMG_2588_766x511 IMG_2589_766x511 IMG_2590_766x511 IMG_2591_766x511 IMG_2592_766x511 IMG_2593_766x511 IMG_2594_766x511 IMG_2595_766x511

– ritorna all’itinerario con i link alle varie tappe del viaggio-

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

#ColoriDiSpagna giorno 11

Oggi visitiamo una delle mie opere preferite di Gaudì, Casa Batllo, le cui forme affascinanti sono interamente ispirate al mondo animale e vegetale. Anche salendo ...

Vienna giorno 3

Vienna: il Palazzo di Schonbrunn e i quartieri da visitare

Vienna Giorno 3: il Palazzo di Schonbrunn, patrimonio dell’Umanità, il Prater ed il Donauisel Anche oggi ci svegliamo piuttosto presto. La nostra prima tappa è il ...