Home -> #RotolandoVersoSUD -> Cosa vedere a Santa Maria Capua Vetere

Cosa vedere a Santa Maria Capua Vetere

Santa Maria Capua Vetere è un piccolo borgo vicino Caserta. Devo ammettere che non ne avevo mai sentito parlare e che la mia visita è stata quasi casuale. In effetti, come spesso faccio quando voglio visitare qualcosa di diverso, qualche giorno prima della partenza per Napoli, mi sono messa davanti al pc a guardare sulla mappa i paesi che avremmo attraversato, dato che, andando in macchina, mi sarebbe piaciuto vedere qualcosa che con i mezzi pubblici poteva essere un po’ più complicato. La prima scelta ricade su Casertavecchia, un borgo di cui molti mi hanno parlato e che, per la sua posizione geografica, è effettivamente complesso da raggiungere in treno/bus.

Continuando a scorrere la mappa, mi colpisce questo nome: Santa Maria Capua Vetere. Mi sembra di averlo già sentito (e si che l’ho sentito! Il mio amico Nicola Spina di ViaggiatoriLowCost è di qui! Ma me ne ricorderò solo dopo… ) ed il primo istinto è quello di cercare immagini del luogo. Ora, se scrivete Santa Maria Capua Vetere su Google, la prima immagine che viene fuori è qualcosa di simile:

Santa Maria Capua Vetere 01

Non vi sareste fermati anche solo per vedere questa meraviglia dell’archeologia? Senza sapere poi la sua grande importanza storica, cosa che abbiamo appreso durante la visita stessa. E senza sapere che, con lo stesso biglietto è possibile visitare anche altri due luoghi di interesse, uno dei quali quasi unico al mondo…

Cosa vedere a Santa Maria Capua Vetere

Anfiteatro Campano

L’Anfiteatro Campano (o Capuano) è una struttura di epoca romana (fu eretto tra la fine del I secolo e l’inizio del II secolo d.C.), seconda per grandezza solo al Colosseo, ma il cui stato di conservazione (ed in parte l’assenza di un turismo di massa troppo invasivo) permette di studiarne meglio i dettagli . Sono infatti quasi completamente integri i pavimenti (a differenza del Colosseo, dove la pavimentazione è oramai praticamente inesistente) e questo rende possibile percorrere le lunghe gallerie che portavano uomini ed animali da dietro le quinte fino al centro della scena, e ricostruire, nella propria mente, l’utilizzo di ogni parte dell’Anfiteatro.

Santa Maria Capua Vetere 02 Santa Maria Capua Vetere 03 Santa Maria Capua Vetere 04 Santa Maria Capua Vetere 05 Santa Maria Capua Vetere 07 Santa Maria Capua Vetere 08 Santa Maria Capua Vetere 09 Santa Maria Capua Vetere 10 Santa Maria Capua Vetere 11 Santa Maria Capua Vetere 12 Santa Maria Capua Vetere 13 Santa Maria Capua Vetere 14 Santa Maria Capua Vetere 15 Santa Maria Capua Vetere 16 Santa Maria Capua Vetere 17 Santa Maria Capua Vetere 18 Santa Maria Capua Vetere 19 Santa Maria Capua Vetere 20 Santa Maria Capua Vetere 21 Santa Maria Capua Vetere 22

Museo Archeologico

Il museo raccoglie i materiali archeologici rinvenuti durante gli scavi nel territorio di Santa Maria Capua Vetere, tra cui pezzi di statue o di bassorilievi, monili, utensili da cucina, vasi etc.
Nelle sale del museo sono presenti pannelli illustrativi che vi guideranno durante la visita.

Santa Maria Capua Vetere 23 Santa Maria Capua Vetere 24 Santa Maria Capua Vetere 26 Santa Maria Capua Vetere 27

Mitreo

Nonostante l’Anfiteatro Campano sia davvero un’opera di rilievo ed è solo grazie alle sue immagini sul web che mi sono ritrovata a Santa Maria Capua Vetere, il Mitreo è, a mia opinione, il vero capolavoro della città, uno dei Mitrei più importanti al mondo. Il Mitreo è una antica struttura dedicata al culto pagano di Mitra, divinità di origine persiana, la cui venerazione era molto diffusa in epoca romana sebbene spesso praticata di nascosto. Oggi molti dei Mitrei sono andati distrutti e spesso se ne conservano solo dei resti.

Il Mitreo Capuano è invece quasi intatto: si tratta di una opera sotterranea, con soffitto a volta e panche in pietra dove si sedevano gli adepti. Le  pareti sono affrescate, soffitto incluso (a riprodurre un cielo stellato) e la maggior parte dei dipinti sembra riprodurre i rituali di iniziazione e di partecipazione del culto di Mitra. L’affresco principale, quello raffigurato nella parete centrale, riprende il dio Mitra che affonda un pugnale nel collo di un toro, circondato da figure allegoriche come il sole, la luna, l’oceano, la terra e due arcieri, oltre ad un serpente ed un cane che partecipano all’uccisione del toro.

Santa Maria Capua Vetere 41 Santa Maria Capua Vetere 28 Santa Maria Capua Vetere 29 Santa Maria Capua Vetere 30 Santa Maria Capua Vetere 31 Santa Maria Capua Vetere 32 Santa Maria Capua Vetere 33 Santa Maria Capua Vetere 34 Santa Maria Capua Vetere 35 Santa Maria Capua Vetere 36 Santa Maria Capua Vetere 37 Santa Maria Capua Vetere 39

Non sono una esperta d’arte o di storia e devo confessare che non ne sapevo molto di questo antico culto. Il luogo è però davvero suggestivo e vi assicuro che non visitarlo sarebbe un grave errore. Per accedere al  Mitreo è necessario chiedere al personale del Museo Archeologico di accompagnarvi ed aprivi la porta d’accesso.

Per maggiori informazioni su orari di apertura e costi, vi consiglio il sito ufficiale dei beni culturali campani.

Visitare Santa Maria Capua Vetere è stata per noi una piacevole sorpresa!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Cosa vedere a Benevento: tra storia e leggenda

Benevento è una città campana dalla storia lunga e complessa. Abitata fin dalla preistoria, ebbe la sua massima espansione durante il periodo Sannita, e prese il ...

Pepe Nero: dove mangiare a Polignano a Mare

Pranzare o cenare tra i vicoli bianchi di Polignano? Fatto. Non era nei nostri programmi in realtà, pensavamo di fare una passeggiata nel borgo e ...