Home -> #coloridispagna -> #ColoriDiSpagna giorno 5

#ColoriDiSpagna giorno 5

E’ il nostro ultimo giorno a Valencia e dedichiamo l’intera mattina alla scoperta dell’Oceanografico e della Città dell’Arte e della Scienza. Io ero già stata più volte qui e l’Oceanografico, il più grande d’Europa, è di certo una delle mete imperdibili della città. Abbiamo visitato le varie “cupole” suddivise per tipologia di clima, passando in pochi minuti dai tropici all’artico, e ci siamo fermati ad assistere allo spettacolo dei delfini.

#ColoriDiSpagna giorno 5 01 #ColoriDiSpagna giorno 5 02 #ColoriDiSpagna giorno 5 03 #ColoriDiSpagna giorno 5 04 #ColoriDiSpagna giorno 5 05 #ColoriDiSpagna giorno 5 06 #ColoriDiSpagna giorno 5 07 #ColoriDiSpagna giorno 5 10 #ColoriDiSpagna giorno 5 11 #ColoriDiSpagna giorno 5 13 #ColoriDiSpagna giorno 5 14 #ColoriDiSpagna giorno 5 15 #ColoriDiSpagna giorno 5 16 #ColoriDiSpagna giorno 5 17
La struttura futuristica di questa zona di Valencia mi lascia sempre a bocca aperta ed il colore scelto, l’azzurro/blu, che richiama l’acqua, presente anche nelle piscine basse, rende molto rilassante una passeggiata ed una sosta nella Città dell’Arte e della Scienza.
Per pranzo, notando che in zona non ci sono molti locali, al di là dei bar dei musei, ci dirigiamo verso un grande centro commerciale, El Saler, dove scegliamo un locale di cucina mediterranea a buffet.

#ColoriDiSpagna giorno 5 18 #ColoriDiSpagna giorno 5 19 #ColoriDiSpagna giorno 5 20 #ColoriDiSpagna giorno 5 21 #ColoriDiSpagna giorno 5 22 #ColoriDiSpagna giorno 5 23 #ColoriDiSpagna giorno 5 24

A poca distanza è situato il Museo Faller, incluso nella VLC Card. Non ne conoscevo l’esistenza, non è uno di quei musei particolarmente consigliati nelle guide turistiche, ma credo valga una visita: è una immersione nella tradizione valenciana delle Fallas, festa popolare che la città di Valencia, Patrimonio Immetariale dell’Umanità, tutalato dall’Unesco da fine novembre 2016! Durante tutto l’anno vengono costruiti degli enormi carri, con materiali combustibili, come cartapesta e legno, che rappresentano figure e composizioni di elementi ispirati prevalentemente dalla attualità valenziana soprattutto, ma anche regionale, nazionale ed internazionale. Durante la settimana della Fallas vengono esposte e, l’ultimo giorno, bruciate. Nel museo sono conservate le opere superstiti e molte foto risalenti ai diversi anni.

#ColoriDiSpagna giorno 5 25 #ColoriDiSpagna giorno 5 26 #ColoriDiSpagna giorno 5 27 #ColoriDiSpagna giorno 5 28 #ColoriDiSpagna giorno 5 29 #ColoriDiSpagna giorno 5 30

Passeggiamo lungo il Turia, fermandoci al Gulliver, un parco giochi per bambini in cui sul corpo del gigante, immobilizzato a terra dai lillipuziani, sono costruiti scivoli, pareti su cui arrampicarsi e cunicoli.

Continuiamo a camminare fino al centro storico, fermandoci a fare merenda con i churros e poi dritti fino a casa. Domani si cambia città!

#ColoriDiSpagna giorno 5 31 #ColoriDiSpagna giorno 5 32 #ColoriDiSpagna giorno 5 33

 –  Torna al link con tutte le tappe del viaggio –

Leggi anche Cosa vedere a Valencia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Cammino di Santiago Navarra

Cammino di Santiago: attraverso la Navarra

…Il diario di Viaggio “Cammino di Santiago: attraverso la Navarra” è la seconda e ultima parte dell’intero racconto… Leggi anche la prima parte: La prima ...

#ColoriDiSpagna giorno 11

Oggi visitiamo una delle mie opere preferite di Gaudì, Casa Batllo, le cui forme affascinanti sono interamente ispirate al mondo animale e vegetale. Anche salendo ...