Home -> austria -> Un’emozione a Vienna: una città “accessibile”

Un’emozione a Vienna: una città “accessibile”

Vienna è sempre stato il sogno di mia madre.
Mi ricordo quando da bambina mi parlava di questo viaggio che avrebbe tanto voluto fare. I miei genitori non si sono spostati spesso fuori Italia. Altri tempi quelli, in cui prima per assenza di possibilità e poi per infinito (a volte eccessivo) senso del dovere, le proprie passioni venivano fin troppo spesso messe da parte. Eppure mia madre adorava (e adora) viaggiare. Io sono così come sono solo grazie a lei. Le volte in cui andavamo in giro in Italia, ci raccontava dei luoghi che visitavamo con così tanta passione che anche da bambina non vedevo l’ora di partire di nuovo, nonostante poi fossi davvero molto capricciosa e poco disposta all’adattamento (meno male che un po’ si cambia crescendo!).
E Vienna era il suo sogno. Così come Parigi era quello di mio padre. Lui chiacchierava di meno, ma sognava la Torre Eiffel. Mio padre non ha fatto in tempo a realizzare questo sogno, come molti altri. Ci penso spesso: a volte la vita è così, spegne i nostri sogni prima di riuscire a renderli reali.
Io non posso cambiare il corso degli eventi, ma so che posso far qualcosa per spingere il destino, almeno in parte, verso la vita che sogno. Ed è quello che faccio giorno dopo giorno. Per me e per le persone che amo.

Vienna 7

Torniamo a mia madre.
Ha sempre sognato di visitare Vienna e non è la prima volta che provo ad organizzare questo viaggio insieme a lei. E, si sa, più una cosa la si desidera più sembra difficile da fare. Così, qualche mese fa, decido di prenotare tutto senza dir nulla a nessuno, o quasi. Neanche a lei. Ad una settimana dalla partenza ancora non sa niente ed io ho quasi paura a dirle che ci sto provando davvero a realizzare questo suo piccolo sogno. Ho paura che qualcosa mandi all’aria il viaggio, o che non sia come se l’aspettava. O altro. Non so bene, ma so che quando al telefono le racconto tutto mi trema la voce.
Lei reagisce come una bambina, con quella allegria infantile che ho spesso anche io: è felicissima! Ed il mio cuore esplode di gioa. Finalmente, io e mia madre, vivremo insieme un’emozione a Vienna!

Vienna 6 Vienna 5

Vienna Accessibile

Mia madre, qualche mese fa ha avuto un infarto. I problemi cardiaci rendono ogni cosa più complicata, viaggi compresi. Tutto deve essere organizzato in modo tale da non creare stress o eccessiva stanchezza; tratti a piedi non lunghissimi, intervallati da soste, evitare scale e salite, usare il più possibile i mezzi pubblici per spostarsi etc…
L’itinerario deve essere studiato alla perfezione, cercando anche di capire ad es. in che direzione conviene affrontare uno spostamento e quanti chilometri è necessario percorrere a piedi. Google maps e Street View mi hanno aiutato a scoprire Vienna ancor prima di andarci e a pianificare i 4 giorni di viaggio: ho trascorso ore ed ore davanti al pc ad abbozzare le nostre giornate!

Vienna 4 Vienna 3
Affrontando questo viaggio un po’ speciale, ho provato anche a condividerlo in modo un po’ diverso dal solito. La mia idea era quella di vivere il viaggio cercando di raccontare la #ViennaPerTutti, una città accessibile, dove tutte le fasce di età trovano una loro dimensione, indipendentemente dalle condizioni fisiche e di salute dei viaggiatori.
E devo dire che la città mi ha aiutato molto in questo. Prima di tutto per la grande partecipazione e collaborazione di Wien.info, che ha organizzato per noi diversi ingressi e visite guidate, ma anche per la città stessa, che ben si conforma alla richiesta di un luogo accessibile: ascensori e montascale ovunque, vie pedonali larghissime in tutto il quartiere storico, mezzi pubblici ben funzionanti e dotati di passarelle per disabili, panchine comodissime davvero in ogni quartiere, anche in quelli periferici, disseminate sui marciapiedi e nelle piazze, strade pulite ovunque e, in generale, una sensazione di semplcità: è facile spostarsi, è facile riposarsi se si è stanchi, è facile passeggiare di giorno e di sera, è facile visitare la città, davvero una #ViennaPerTutti!

Vienna 1 Vienna 2

Spese (in due):

  • Aereo (Vueling): 210 €
  • Alloggio (prenotato tramite Airbnb): 185 €
  • Trasporti: 40 €
  • Ingressi vari: 40 €
  • Cibo: 185 €

Itinerario (a breve online)

Giorno 1: Il Municipio, un luogo per tutti, ed il centro storico di Vienna
Giorno 2: Dall’eleganza classica dell’Hofburg e della Scuola di Equitazione Spagnola al modernismo dell’ Huderrtwasserhaus
Giorno 3: Schonbrunn, patrimonio dell’Umanità, il Prater ed il Donauisel
Giorno 4: Il Belvedere e le opere di Klimt

 

Segui il nostro canale Telegram! Itinerari, consigli e tante idee per organizzare il tuo prossimo viaggio!⇒  https://telegram.me/mondovagando

2 commenti

  1. Lucia, bellissimo questo post. Pieno pieno di amore, di affetto, di entusiasmo e di partecipazione. E Vienna – città che adoro – è stata all’altezza di questo tuo grande slancio.

    Mi sono commossa, posso dirlo?
    🙂

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

opere di klimt

Vienna: il Belvedere e le opere di Klimt

Vienna: Giorno 4.  Il Belvedere e le opere di Klimt E’ il nostro ultimo giorno a Vienna. Anche questa avventura sta per giungere al termine. ...

Vienna giorno 3

Vienna: il Palazzo di Schonbrunn e i quartieri da visitare

Vienna Giorno 3: il Palazzo di Schonbrunn, patrimonio dell’Umanità, il Prater ed il Donauisel Anche oggi ci svegliamo piuttosto presto. La nostra prima tappa è il ...