Home -> diari di viaggio -> Varsavia: la città “ricostruita”, Patrimonio Unesco

Varsavia: la città “ricostruita”, Patrimonio Unesco

Varsavia Giorno 2.

Oggi, dopo una buona colazione, torniamo al Parco Lazienki; ieri il palazzo era chiuso e non siamo riusciti a visitarlo ma ci teniamo davvero tanto a vedere gli interni dell’edificio. Il biglietto d’ingresso da diritto alla visita di tutti i palazzi che si trovano nel parco e all’uso di una audioguida che è utile anche per la scoperta del giardino.

Iniziamo il nostro tour dal Palazzo sull’Isola o sull’Acqua, così chiamato perché sorge su di un isolotto formato dal dividersi di un corso d’acqua che scorre all’interno di Parco Lazienki. Si tratta di una dimora reale, distrutta durante la seconda guerra mondiale e successivamente ricostruita. Alcune sale sono molto sontuose, altre più semplici ed i balconi vista lago hanno un tocco di romantico.

Proseguiamo con la visita alla Casa Bianca (deve il nome alla sua facciata), dimora riservata agli ospiti reali, e la concludiamo con l’Orangerie, ora gipsoteca, ed il piccolo ma grazioso Teatro Reale.

Varsavia giorno 2 01 Varsavia giorno 2 02 Varsavia giorno 2 03 Varsavia giorno 2 04 Varsavia giorno 2 05 Varsavia giorno 2 06 Varsavia giorno 2 07 Varsavia giorno 2 08 Varsavia giorno 2 09

Lasciamo il parco, attraverso i suoi sentieri in cui giocano indisturbati gli scoiattoli, e ci dirigiamo verso il Castello Reale.
Anche questa costruzione, come tutto il centro storico, venne distrutta completamente durante la Seconda Guerra Mondiale: ne rimasero in piedi solo due pareti (che l’audioguida vi segnalerà).

Varsavia giorno 2 10 Varsavia giorno 2 11 Varsavia giorno 2 12 Varsavia giorno 2 13 Varsavia giorno 2 14 Varsavia giorno 2 16

Sembra spuntare un timido raggio di sole e ne approfittiamo per fare un’ultima passeggiata tra i palazzi colorati di Stare Miasto. Prendiamo un panino per pranzo e andiamo a recuperare i nostri bagagli. In attesa del bus che ci porterà in aeroporto ci fermiamo per un caffè che diventerà un enorme dolce 🙂

Varsavia giorno 2 17 Varsavia giorno 2 18 Varsavia giorno 2 19 Varsavia giorno 2 20 Varsavia giorno 2 21

Leggi anche Cosa vedere a Varsavia

Il bus ci accompagna velocemente all’aeroporto di Modlin (che, sinceramente, non è dei più comodi: molto piccolo per la gente che ospita e con pochissimi servizi).

Il nostro volo parte in orario. Il week end a Varsavia è finito. La città ci è piaciuta, moltissimo, abbiamo avuto modo di scoprirne la storia e visitare i luoghi più importanti, anche se, sicuramente, Varsavia meriterebbe un soggiorno più lungo ed una visita più approfondita.

– Torna all’itinerario con le varie tappe del viaggio – 

Se ti è piaciuto il diario di viaggio Varsavia Giorno 2, condividilo sui social!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Da Varsavia a Poznan: Giardini Sassoni e Museo Chopin

Ci svegliamo con calma e decidiamo di dedicare la mattinata alla visita di qualche luogo d’interesse di Varsavia che, per motivi di tempo, non siamo ...

Da Varsavia a Poznan: luci di Natale a Varsavia

Siamo stati a Varsavia esattamente due mesi fa. E oggi ci ritroviamo nuovamente a prendere l’aereo per la capitale della Polonia. Abbiamo deciso di ritornare ...